Urs Fischer a Palazzo Grassi

URS FISCHER: MADAME FISSCHER

Palazzo Grassi, campo San Samuele, 15 aprile – 15 luglio 2012

Mostra monografica dell’artista svizzero, oggi tra i più quotati nel mercato dell’arte.

È una mostra che consiglio a chi ama il nonsense, come le orecchie che sbucano improvvise dalle pareti o gli orifizi umani che scendono dal soffitto appesi a fili leggeri come palline di Natale, oppure a chi piace intuire il senso e le molte allusioni dietro ai lunghi cavi colorati di Spinoza Rhapsody; a chi nell’arte cerca i rapporti inversi di tensioni e proporzioni, come nel carro armato sospeso  sopra una poltrona, con l’apparente leggerezza di un palloncino, o come i minuscoli uccellini appesi per il collo da una catena, che tra le zampette trattengono una pietra; oppure la continua mobilità di una lampadina che oscilla senza fermarsi; a chi piace l’ironia dell’arte destinata a scomparire, come le statue di cera che, bruciando come candele, si scioglieranno nel corso della mostra.

Una mostra che già nel titolo, con l’allusione ad una misteriosa figura femminile dal nome simile a quello dell’artista, indica che le apparenze spesso sono fuorvianti, e senso e significato possono rimanere illusori.

Insomma, consiglio di andare a vedere la mostra di Fischer a tutti quelli a cui piace l’idea che l’arte possa contraddire la logica comune inventando equilibri diversi.

Al secondo piano ci sono altre opere della collezione Pinault di Boetti, Wateridge, Polke, Cattelan e altri.

Orari: aperto dalle 10 alle 17 tutti i giorni tranne il martedi

Ingresso: 15 euro (ingresso cumulativo Palazzo Grassi e Punta della Dogana: 20 euro).

Share

12. maggio 2012 by contemporary venice
Categories: Arte, Mostre temporanee | Tags: , , , , , | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *


*